fbpx

Con Telepass e Helbiz alla scoperta di Bari sul monopattinoTempo di lettura 7 min

Un pomeriggio inedito alla scoperta di Bari a bordo di un monopattino. Una magnifica esperienza in collaborazione con Telepass e Helbiz.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Con Telepass e Helbiz alla scoperta di Bari sul monopattinoTempo di lettura 7 min

Un pomeriggio inedito alla scoperta di Bari a bordo di un monopattino. Una magnifica esperienza in collaborazione con Telepass e Helbiz.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

In questo articolo troverai:

Lo ammetto. Ero molto titubante.
Credevo di non farcela, e fino all’ultimo momento sono stato davvero in dubbio se dover declinare l’invito all’evento.
Poi mi son detto: “Vado. Al massimo farò qualche figuraccia!”.
Per fortuna ho seguito il mio sesto senso!

Ieri pomeriggio ho vissuto una delle esperienze più belle degli ultimi anni, e non posso che ringraziare di cuore Telepass e Helbiz per l’invito.

Una “passeggiata” inedita alla scoperta di Bari a bordo del monopattino elettrico.

Le due ruote non godono della mia più totale simpatia.
Avevo il costante timore di cadere e ovviamente di fare figuracce.

Ti tranquillizzo sin da subito. Non è successo nulla.
Al contrario, mi è piaciuto e anche tanto.

Monopattini Helbiz, una delle due società che offre il servizio di sharing dei monopattini a Bari

I più grandidelli come me ricorderanno sicuramente i primi monopattini in acciaio.
Ci portavano in giro con tanta fatica fisica e tanti problemi.

Dopo ieri posso affermare che il monopattino ha davvero fatto passi da gigante.

Addio a frenate con piede sulla ruota posteriore, viti che saltavano, spinte ogni secondo e instabilità.

Con l’avvento della tecnologia il monopattino è diventato un vero e proprio mezzo di trasporto, un’ancora di salvezza soprattutto nelle grandi città, sempre più flagellate da traffico e inquinamento.

Super smart, leggero, ultra tech e soprattutto a zero impatto ambientale: una caratteristica, quest’ultima, che non bisogna assolutamente trascurare.

Il monopattino rappresenta una valida alternativa all’auto e ai mezzi di trasporto.

Rispetto e sicurezza

Rispetto e sicurezza sono state le parole chiave della bellissima iniziativa di domenica pomeriggio nata dalla collaborazione di Telepass e Helbiz, quest’ultima una delle due società che offre il servizio di sharing dei monopattini a Bari.

Un pomeriggio alla scoperta della città con l’obiettivo di porre l’accento sul tema della sicurezza, della sensibilizzazione dei cittadini sulle corrette regole per l’utilizzo dei monopattini e il loro utilizzo stesso.

Temi molto caldi in questi giorni nel capoluogo regionale che punta a confermarsi una città all’avanguardia e proiettata al futuro.

Regole

Come ogni mezzo di trasporto che si rispetti, anche il monopattino ha delle regole ben precise da seguire:

  • bisogna tenere sempre ben a mente le norme del codice della strada, molto spesso dimenticate anche dei guidatori più esperti di auto;
  • è severamente vietato utilizzare il monopattino con due o più persone a bordo;
  • il monopattino può essere guidato a partire dai quattordici anni;
  • vige l’obbligo di indossare il caschetto per guidatori dai quattordici ai diciotto anni.

Aggiungerei anche un’altra regola: non sequestrare i monopattini.

App TelepassPay e #tvadipartire 

Oltre al tema della sicurezza, uno dei temi che ha accompagnato questo pomeriggio è stato quello della ripartenza.

Il Covid-19 ha creato situazioni molto spiacevoli e messo in ginocchio l’economia del nostro mondo.
In Italia uno dei settori maggiormente colpito è stato quello del turismo, elemento fondamentale per l’economia del Paese.

Telepass ha creato una bellissima iniziativa per rilanciare e far partire il turismo in sicurezza e tranquillità.

Il progetto si chiama #tvadipartire, una piattaforma in cui trovare consigli, idee, itinerari di viaggi, sconti e promozioni.

Uno strumento utilissimo per rilanciare il turismo italiano.

Oltre a questo bellissimo progetto, Telepass ha lanciato l’app TelepassPay in cui sono presenti diversi servizi: pagamento dei mezzi di trasporto, parcheggi, taxi e anche gli stessi monopattini presenti a Bari.

Ebbene si!
Attraverso l’app di TelepassPay è possibile pagare le corse con il monopattino in giro per Bari.

L’app è disponibile sia per iOS (nell’App Store) che per Android (nel Play Store).

A tal proposito. Sei pronto per un tour insolito della città?

Pronti, partenza, via…

L’appuntamento era previsto per le ore 18:00 in Via Argiro a Bari.

In poco tempo sono arrivati tutti i partecipanti dell’evento tra cui gli amici di Yallers Puglia Stefano e Angelica, i membri del gruppo MEB – Monopattini elettrici bari e altri influencer locali.

Ad attenderci c’è stato un piccolo briefing con la responsabile Telepass Carmen durante il quale gli addetti Helbiz hanno sbloccato i nostri monopattini.

Le tensioni sulla partenza sono state diradate dalla presenza del corpo della polizia municipale del comune di Bari che ci ha scortato per tutta la durata dell’evento.

Usare il monopattino per le strade principali della città senza dover prestare attenzione a auto e pedoni è stata un’ottima palestra per imparare a utilizzare il monopattino.

Massima concentrazione sul mezzo per capirne il facile funzionamento in termini di utilizzo e velocità.

L’itinerario

Inizia il nostro mini percorso alla scoperta di Bari.

A guidarci in questa avventura c’è stato Arturo Del Muscio, guida turistica abilitata della regione Puglia.

È stato davvero emozionante scoprire Bari dalle parole e dalla passione di un uomo che ama profondamente la sua città.

Prima tappa: lungomare di Bari

Luogo simbolo della città, dal Lungomare è iniziato il nostro viaggio alla scoperta di Bari e della sua evoluzione architettonica nella storia.

Dall’aperta campagna che circondava il palazzo della Camera di Commercio, alla nascita del teatro Margherita e dei primi palazzi.

Prima tappa: lungomare di Bari

Seconda e terza tappa: San Nicola che fa yoga e il quartiere “umbertino”

Il nostro viaggio nell’evoluzione della città di Bari continua in Piazza Diaz circondati dalle prime case nate a Bari e dal palazzo dell’acquedotto che ospita il murales in chiave pop di San Nicola nell’atto di praticare yoga.

#eastwest, l’opera creata da Maupal, è diventata un simbolo per la città di Bari.
Il Santo patrono unisce oriente e occidente, un ponte tra il cattolicesimo e cristianesimo ortodosso.

Tra i vari pazzi presenti nei dintorni del palazzo dell’acquedotto c’è un quartiere che custodisce tre diversi stili architettonici: il quartiere umbertino.

Il quartiere, ricco dello stile Liberty che contraddistingue la città di Bari, nasce nei primi del 900 quando si ha una netta rottura tra gli schemi imposti da Murat e dal piano regolatore del quartiere murattiano.

Quarta tappa: il teatro Petruzzelli

Voluto dai fratelli Petruzzelli, il teatro è il vero cuore pulsante della città di Bari.
L’incendio del 27 Ottobre 1991 è stato un duro colpo per il teatro devastandone l’interno e la cupola.

Il teatro è stato ricostruito secondo un falso storico, seguendo i ricordi e i disegni di quello che era il vecchio teatro.
Un gioiello che vanta il quarto posto tra i teatri più grandi d’Italia.

Quinta e ultima tappa: la Basilica di San Nicola

É il luogo di culto più importante della città, meta di pellegrinaggio che unisce i fedeli dell’occidente con gli ortodossi d’oriente.

La sua storia del San Nicola ancora oggi vive tra mito e mistero, destando da sempre la curiosità di fedeli e studiosi.

L’edificazione della basilica è strettamente legata all’arrivo delle reliquie del Santo a Bari custodite dal 1087.
Avvolta dall’abbraccio della città vecchia, la basilica è una delle più belle espressioni dello stile romanico pugliese.

Il nostro viaggio alla scoperta di Bari sta per terminare.
È giunto il momento di tornare alla base.

Ho vissuto gli ultimi attimi sul monopattino con molta gioia e spensieratezza.
Sfrecciare (sempre nei limiti) sul lungomare di Bari scortato dagli agenti della polizia municipale è stato bellissimo.

Il tramonto, il profumo del mare, il vento che mi accarezza i capelli. Emozioni di totale libertà.

Conclusione

Aggiungere altre parole alle emozioni di questa giornata credo sia superfluo.

Se non l’hai già fatto, ti consiglio di provare l’esperienza di andare in giro per la città con il monopattino.
Che sia Bari o un’altra città italiana in cui è presente il servizio offerto da Helbiz.

Supera le tue paure.

Se ci sono riuscito io puoi farcela anche tu.
Dopo i primi momenti di preoccupazione diventa tutto più semplice.

Ricorda di rispettare le regole e di guidare in totale sicurezza.
È importante per te e le persone che ti circondano.

Soprattutto: rispetta questa opportunità.

Avere un servizio del genere in città è una grande opportunità.
Rovinare, rubare o togliere dalla circolazione un monopattino non ti fa una persona migliore.
Crei solo un danno al tuo futuro!

Detto questo.
Grazie ancora di cuore agli amici di Helbiz e Telepass.

Scarica l’app TelepassPay, prendi un monopattino, una bella rincorsa e premi il pulsante dell’acceleratore verso un’esperienza indimenticabile.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il rosso continua anche su Instagram