fbpx

10 piccoli passi di Simona De Tommaso per proteggere l’ambienteTempo di lettura 5 min

Bastano piccoli e semplici gesti per cambiare le sorti del nostro pianeta. Una veste inedita di una ragazza che vuole cambiare il mondo con piccoli passi. Simona De Tommaso è la quinta ospite delle The Red Interview.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

10 piccoli passi di Simona De Tommaso per proteggere l’ambienteTempo di lettura 5 min

Bastano piccoli e semplici gesti per cambiare le sorti del nostro pianeta. Una veste inedita di una ragazza che vuole cambiare il mondo con piccoli passi. Simona De Tommaso è la quinta ospite delle The Red Interview.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L’ospite di questa The Red Interview (puoi leggerle le altre cliccando qui) è una ragazza, un “fungoamante della bellezza e del rosso (l’adoro soprattutto per questo).

Sul suo profilo Instagram (@mushroomsimu) parla di make-up e beauty, piccoli consigli su come valorizzare e rendere super trendy la propria bellezza.

Quest’oggi però conosceremo anche un altro lato della nostra ospite, quello attento a salvaguardare la bellezza e la salute del nostro bellissimo pianeta attraverso 10 passi.

A voi Simona De Tommaso.

Ciao Simona.Che piacere rivederti!Prima di entrare nel vivo della nostra chiacchierata, mi sembra doveroso scambiare due battute in merito alla tua passione primaria. 
Chi ti segue su Instagram è abituato a scoprire rossetti e trucchi sempre nuovi. Ti occupi principalmente di beauty e make-up. Cosa va di moda in questo 2020 in termini di rossetti e make-up?

Lo so cosa vuoi sentirti dire. Provvedo subito a soddisfare il tuo desiderio. La tendenza 2020 è un colore a caso: il rosso.

Personalmente prediligo i rossetti waterproof
L’importante è idratare le labbra per bene prima dell’applicazione. 
Non avendo una componente cremosa, i rossetti waterproof tendono a seccarle.

L’ideale sarebbe mettere un pò di burro cacao o fare una maschera alle labbra. Ormai ci sono davvero tanti sistemi per idratarle.

Per quanto concerne il trucco, credo che non si dovrebbe mai esagerare.

Si potrebbe partire da un trucco semplice con mascara, fondotinta, correttore e un rossetto rosso, ne esistono tante di tonalità.

Si può giocare davvero in tantissimi modi con i colori.
Bisogna però star attenti alla scelta di essi prediligendo una palette, per rossetto e ombretti, che sposi bene il nostro incarnato evitando i colori che “sbattono”.

Funghetta è arrivato il momento di concentrarci sull’argomento della nostra chiacchierata. Parliamo di benessere, quello del nostro pianeta.Quando hai iniziato a cambiare le tue abitudini per sostenere questa causa?

Da circa un annetto sto cercando di preoccuparmi e di prendermi cura dell’ambiente.

Nel mio piccolo, cerco di sensibilizzare al meglio le persone affinché capiscano la portata del danno che stiamo facendo al nostro pianeta.

Stiamo creando davvero tanti rifiuti, inquinamento, sia sulla terraferma che in mare.

Il mio obiettivo è quello di cercare di ridurre al minimo i danni, o quantomeno di migliorare questa situazione. 

Non siamo perfetti ma bastano davvero piccoli accorgimenti per migliorare la salute del nostro pianeta. 

Per sostenere questo progetto hai stilato una piccola lista, dieci piccoli accorgimenti che ognuno di noi deve seguire per migliorare la salute del pianeta. Io li definirei i 10 comandamenti dell’ambiente. Quali sono?

  • Rifiuta l’usa e getta
  • Usa la tua bottiglia
  • Prima ripara, poi sostituisci
  • Preferisci il cibo non confezionato
  • Usa lo spazzolino in bamboo
  • Porta sempre un sacchetto in borsa
  • Scegli contenitori riutilizzabili
  • Preferisci la moka
  • Compra meno e pensa all’usato
  • Autoproduci

Ho strutturato questi 10 passi partendo dalle 5 “R”: rifiuta, riduci, riusa, ricicla, riduci in compost.

Se tenessimo sempre a mente questi punti potremmo davvero migliorare la salute del nostro pianeta.

A primo impatto possono apparire molto difficili da mettere in pratica; ma, in verità, sono abbastanza semplici.

È principalmente una questione di abitudine.

So che ormai sei diventata l’incubo dei tuoi amici. Cosa pensi in merito alle cannucce, bottiglie, spazzolini e sportine?

Quando usciamo insieme sono terrorizzati, soprattutto quando andiamo in un bar o locali. Mi guardano impietriti.

Alla domanda del cameriere: “cosa ti porto?”, rispondo sempre con “uno spritz, senza cannuccia per favore“.

Pian piano sto osservano un cambiamento in termini di uso cannucce. Molti locali ne stanno escludendo l’uso a favore di materiali più sostenibili come ad esempio la carta.

Il passo n. 5 prevede l’utilizzo di spazzolini in bamboo. Perchè proprio di questo materiale?

Sono sicura che il tuo primo spazzolino da denti è ancora nel mare o in qualche discarica.

Anzichè avere il classico spazzolino in plastica con le setole, c’è una soluzione più sostenibile: lo spazzolino in bamboo.

Un materiale che con il tempo tende a decomporsi, utile per eliminare e/o limitare l’utilizzo della plastica

L’utilizzo delle sportine di plastica sta lentamente scomparendo. Cosa consigli?

Ne sono davvero molto felice.
Consiglio assolutamente i sacchetti in tessuto. Molti negozi li forniscono anche in omaggio.

Si possono tranquillamente piegare e inserire in borsa. 

Il riutilizzo è una pratica poco diffusa in Italia.

E’ un tema che mi sta molto a cuore. 
Io sono molto per il riutilizzo degli oggetti.
Invece di buttare un pantalone dovremmo sistemarlo, dando anche lavoro ad altre persone, senza creare accumulo di rifiuti.

Ci sono tanti video online che insegnano come reinventare i capi.

Con la creatività si può fare qualsiasi cosa.
Bisogna sempre pensare cosa si potrebbe realizzare con l’oggetto che si sta per gettare via.

Ogni elemento potrebbe essere utile per creare qualcosa di nuovo.

Prima ripara e poi pensa all’acquisto. 

Il passo numero 8 mi ha davvero incuriosito. Perchè “preferisci la moka”?

È un punto molto importante. 
Per fare il caffè si può usare la moka o le macchinette.

Mentre nel primo caso lo spreco è limitato alla confezione del caffè, che poterebbe essere acquistato anche sfuso, nel secondo caso sono presenti le cialde.

Le cialde rappresentano un grave problema per l’ambiente.
L’ideale sarebbe mirare all’utilizzo di cialde compostabili o riutilizzabili.

Ormai esistono davvero tante soluzioni.
L’importante è trovare la via di mezzo.

Sentiamo parlare sempre poco di rispetto dell’ambiente. Cosa ne pensi in merito e cosa, secondo te, bisogna cambiare nel nostro modo di pensare per migliorare la salute del mondo?

Fortunatamente negli ultimi tempi c’è un pò più di sensibilizzazione. Purtroppo non basta mai.

Credo che il problema sia proprio la mentalità che deve essere cambiata.
In molti casi vige il “non conoscere”.

Molte volte non si capisce l’impatto dannoso che molti comportamenti hanno sul nostro pianeta.
Conoscere i meccanismi, gli effetti e i danni, aiutano in qualche modo a salvare il mondo.

Ci sono persone che quando scoprono realmente cosa succede si svegliano all’improvviso.

C’è ignoranza, quella buona. Non è cattiveria.
Molti non sanno cosa fanno di male e non conoscono gli strumenti per risolvere i problemi.

Serve parlarne di più e sensibilizzare tanto.

Basta rispettare anche anche solo pochi dei dieci passi per fare qualcosa di buono.
Anche un solo passo dei dieci può cambiare il mondo.

Grazie Simo!
A presto.

Rosso + Rosso

Ospite:
Simona De Tommaso

Party planner

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il rosso continua anche su Instagram